Anni di esperienza nel settore della nutraceutica e della medicina estetica

Curcumin-Gel95+

Razionale: La Curcuma

La Curcuma fu definita dalla medicina ayurvedica la regina delle spezie: aiuta a ripulire il fegato, rafforza il sistema immunitario (anche talvolta seriamente compromesso durante cure molto invasive), purifica il sangue, promuove una buona digestione e possiede attività antiossidante ed antinfiammatoria. Studi in vitro e su animali hanno dimostrato che la curcumina ha una vasta gamma di potenziali effetti terapeutici e di prevenzione contro l’Alzheimer e Parkinson.

Tra le molte spezie presenti oggi sulle tavole, la Curcuma si stà affermando, e non solo come base per il “curry”. Si tratta di una spezia utilizzata soprattutto dalle popolazioni orientali, indiane in particolare. Il suo impiego risale a circa sei millenni fa, ad opera di monaci buddisti che la impiegavano come spezia, ma anche come colorante, cosmetico o rimedio medico naturale, cosicché la medicina ayurvedica la contempla tra le piante curative, dati i benefici che apporta.

Antinfiammatorio naturale cavo orale
Cenni di Botanica

Curcuma longa (Curcuma per antonomasia o zafferano delle Indie o più raramente turmerico) è una pianta perenne alta circa un metro, rizomatosa della famiglia delle Zingiberacee, originaria dell’Asia sud-orientale e largamente impiegata come spezia soprattutto nella cucina indiana, medio - orientale, tailandese e di altre aree dell’Asia. La radice è un grosso rizoma cilindrico, ramificato, di colore giallo o arancione, fortemente aromatico, che costituisce la parte di maggior interesse commerciale della pianta. La Curcuma è un’antica spezia ed un rimedio tradizionale, che è stata usata come medicina in scritti risalenti a oltre 2000 anni fa. Marco Polo, raccontando i suoi viaggi in Cina, descrive la Curcuma nel XIII secolo: “Vi è anche un vegetale, che ha tutte le proprietà del vero zafferano, così come il colore, ma che non è vero zafferano. (La Curcuma) è tenuta in grande considerazione, ed è un ingrediente in tutti i loro piatti”. La radice ed il rizoma (parte del fusto sotterraneo) della pianta Curcuma longa vengono schiacciati e polverizzati. La polvere ottenuta è usata in tutto il mondo come ingrediente principale del curry, e contiene circa il 2% di Curcumina.

La Curcumina è il principale componente biologicamente attivo della Curcuma. La Curcumina viene estratta e concentrata e con essa vengono effettuati studi e trial clinici per le sue proprietà mediche come trattamento naturale per un gran numero di malattie. La formula chimica della Curcumina è C21H20O6, è conosciuta anche come diferuloilmetano e la formula di struttura è la seguente:

Curcuma per dolori articolari

Proprietà farmacologiche e studi sulla Curcumina


Più di 4.000 studi clinici, oltre 600 dei quali pubblicati negli ultimi cinque anni, confermano le notevoli proprietà immunomodulanti, antinfiammatorie, antinfettive e antiossidanti della Curcumina. Sembra, da studi recenti, che la Curcumina agisca anche a livello neuroprotettivo. Già queste caratteristiche ne fanno un prodotto di spicco sul piano della modulazione naturale del sistema immunitario.

La Curcuma crea una barriera all’attività dei radicali liberi fungendo quindi da antiradicalico contrastandone gli effetti negativi sia a livello epidermico (invecchiamento cutaneo) che su organi interni (fegato, stomaco, pancreas, intestino).

Da diversi anni il mondo scientifico è sempre più convinto del legame tra sistema immunitario e infiammazione; legame per cui le nostre difese possono svolgere una parte importante e VITALE contrastando alcune fra le più pericolose e diffuse malattie dell’uomo moderno: malattie cardiache, l’artrite, psoriasi, il diabete, il cancro, il morbo di Alzheimer e il morbo di Crohn.

Alla luce di ciò appare chiaro quale validissimo alleato in questa battaglia possa essere ancora una volta la Curcuma con la sua doppia capacità di curare da una parte esternamente con un effetto sintomatico di attenuazione dell’infiammazione, dall’altra di porsi come “ripulitore” dell’organismo dall’interno.

Il meccanismo principale dell'azione antinfiammatoria della curcumina e curcuminoidi con cui essa si realizza si riconduce al blocco dell'attivazione del suddetto fattore di trascrizione nucleare NF-kB, insieme alla conseguente riduzione della formazione di radicali liberi (ROS), bloccando degli enzimi come la COX2, la 5-lipossigenasi e l'ossido nitrico inducibile sintasi (iNOS), inoltre i curcuminodi stimolano la produzione dei fattore nucleare-eritride-2-correlato (Nrt-2). Tutti questi effetti utili per la salute delle articolazioni e il sollievo del dolore.

Curcuma rimedi naturali

In generale altri studi suggeriscono una terapia di tipo aggiuntiva (add-on) alle terapie antinfiammatorie classiche delle colite ulcerosa e più in generale nelle malattie infiammatorie dell'intestino (inflammatory bowel disease (IBD)). Ciò grazie alla dimostrata capacità del curcumin di stabilizzare il legame dell'NF-kB con il suo inibitore IkB, impedendo così l'innesco di sintesi geniche rivolte alla produzione di citochine e chemiochine infiammatorie nell'intestino

Curcumina per il cavo orale